ICT nelle imprese con almeno 10 addetti
< < >-< I.Stat
Open all groups and itemsClose all groups and itemsSend link via emailPrintOpen in stand alone windowClose this window
Click to expand Sorgente
Click to collapse Sorgente
Click to expand Fonte(i) dei dati usata (e)
Click to collapse Fonte(i) dei dati usata (e)

Rilevazione sulle tecnologie dell'informazione e della comunicazione nelle imprese: La rilevazione riguarda l'universo delle imprese con 10 e più addetti attive, secondo la classificazione delle attività economiche adottata in Italia (Ateco 2002), nei settori della manifattura (D), delle costruzioni (F), del commercio all'ingrosso e al dettaglio (G), degli alberghi (H), dei trasporti, magazzinaggio e comunicazioni (I), delle attività immobiliari, noleggio, informatica, ricerca e sviluppo (K) e degli audiovisivi(O). Dall'anno 2009 le attività economiche considerate sono quelle dalla divisione 10 alla 82 in base alla nuova classificazione Ateco 2007 (ad esclusione della sezione K-attività finanziarie e assicurative e della divisione 75-servizi veterinari). Dall'anno 2010 viene considerata anche l'attività 951-riparazione di computer e di apparecchiature per le comunicazioni per il calcolo dell'aggregato relativo al settore ICT. L'oggetto della rilevazione sono le dotazioni di ICT delle imprese e la misurazione delle attività di commercio elettronico. La tecnica prescelta è quella dell'indagine postale con autocompilazione di un questionario cartaceo fino all'anno 2005; dall'anno 2006 viene reso disponibile anche un sito per la compilazione on-line di questionario in pdf; dall'anno 2009 viene inviato il questionario cartaceo solo al momento del sollecito; dal 2011 non viene più inviato il questionario cartaceo se non dietro richiesta degli utenti e la compilazione avviene tramite compilazione di un questionario elettronico. Il disegno di campionamento utilizzato per l'indagine è di tipo casuale stratificato. Le imprese dell'universo sono state suddivise in strati omogenei per livello di attività economica, ripartizione territoriale e classe di addetti. Il metodo di stima utilizzato si basa sull'attribuzione a ogni impresa rispondente di un coefficiente, detto peso finale, che indica quante sono le imprese della popolazione rappresentate da quella unità rispondente. Il calcolo dei pesi finali è stato effettuato utilizzando come variabili ausiliarie il numero di imprese e il relativo numero di addetti, secondo le informazioni presenti nell'archivio ASIA. Le variabili diffuse a livello regionale sono solo un sottoinsieme di quelle disponibili a livello di attività economica, classe di addetti e ripartizione territoriale. Ogni anno le variabili rilevate vengono decise a livello comunitario e, a parte alcuni indicatori 'core' annuali o biennali, alcune argomenti vengono approfonditi con sezioni specifiche che non vengono ripetute interamente negli anni successivi. Per tale motivo alcuni indicatori che vengono diffusi in un anno possono non avere valori negli anni successivi.

ICT nelle imprese con almeno 10 addettiFonte(i) dei dati usata (e)

Rilevazione sulle tecnologie dell'informazione e della comunicazione nelle imprese: La rilevazione riguarda l'universo delle imprese con 10 e più addetti attive, secondo la classificazione delle attività economiche adottata in Italia (Ateco 2002), nei settori della manifattura (D), delle costruzioni (F), del commercio all'ingrosso e al dettaglio (G), degli alberghi (H), dei trasporti, magazzinaggio e comunicazioni (I), delle attività immobiliari, noleggio, informatica, ricerca e sviluppo (K) e degli audiovisivi(O). Dall'anno 2009 le attività economiche considerate sono quelle dalla divisione 10 alla 82 in base alla nuova classificazione Ateco 2007 (ad esclusione della sezione K-attività finanziarie e assicurative e della divisione 75-servizi veterinari). Dall'anno 2010 viene considerata anche l'attività 951-riparazione di computer e di apparecchiature per le comunicazioni per il calcolo dell'aggregato relativo al settore ICT. L'oggetto della rilevazione sono le dotazioni di ICT delle imprese e la misurazione delle attività di commercio elettronico. La tecnica prescelta è quella dell'indagine postale con autocompilazione di un questionario cartaceo fino all'anno 2005; dall'anno 2006 viene reso disponibile anche un sito per la compilazione on-line di questionario in pdf; dall'anno 2009 viene inviato il questionario cartaceo solo al momento del sollecito; dal 2011 non viene più inviato il questionario cartaceo se non dietro richiesta degli utenti e la compilazione avviene tramite compilazione di un questionario elettronico. Il disegno di campionamento utilizzato per l'indagine è di tipo casuale stratificato. Le imprese dell'universo sono state suddivise in strati omogenei per livello di attività economica, ripartizione territoriale e classe di addetti. Il metodo di stima utilizzato si basa sull'attribuzione a ogni impresa rispondente di un coefficiente, detto peso finale, che indica quante sono le imprese della popolazione rappresentate da quella unità rispondente. Il calcolo dei pesi finali è stato effettuato utilizzando come variabili ausiliarie il numero di imprese e il relativo numero di addetti, secondo le informazioni presenti nell'archivio ASIA. Le variabili diffuse a livello regionale sono solo un sottoinsieme di quelle disponibili a livello di attività economica, classe di addetti e ripartizione territoriale. Ogni anno le variabili rilevate vengono decise a livello comunitario e, a parte alcuni indicatori 'core' annuali o biennali, alcune argomenti vengono approfonditi con sezioni specifiche che non vengono ripetute interamente negli anni successivi. Per tale motivo alcuni indicatori che vengono diffusi in un anno possono non avere valori negli anni successivi.

Rilevazione sulle tecnologie dell'informazione e della comunicazione nelle impresehttp://siqual.istat.it/SIQual/visualizza.do?id=5000078&language=IT&refresh=true