Clima di fiducia delle imprese
< < >-< I.Stat
Open all groups and itemsClose all groups and itemsSend link via emailPrintOpen in stand alone windowClose this window
Click to expand Sorgente
Click to collapse Sorgente
Click to expand Fonte(i) dei dati usata (e)
Click to collapse Fonte(i) dei dati usata (e)

Indicatore composito del clima di fiducia delle imprese: a partire dal mese di giugno 2012, l’Istat diffonde l’indicatore composito del clima di fiducia delle imprese italiane denominato Iesi (Istat economic sentiment indicator). Fino ad aprile 2017, l'indicatore è stato elaborato aggregando i saldi delle variabili che compongono il clima di fiducia delle imprese manifatturiere (giudizi sulla domanda in generale, attese sulla produzione e giudizi sulle giacenze di prodotti finiti), delle costruzioni (giudizi sugli ordini e attese sull’occupazione), dei servizi di mercato (giudizi e attese sugli ordini, attese sull’economia in generale) e del commercio al dettaglio (giudizi e attese sulle vendite, giudizi sulle giacenze). A partire dalla pubblicazione del mese di maggio 2017, una delle serie storiche componenti lo IESI è stata sostituita. In particolare, con riguardo al settore dei servizi, la serie dei saldi relativa alla domanda sulle attese sull’economia è stata sostituita con la serie dei saldi relativa alla domanda sull’andamento degli affari, coerentemente con la nuova definizione dell’indice del clima di fiducia dei servizi. La metodologia di calcolo dell’indicatore rimane invariata. La serie storica è stata ricalcolata dal mese di marzo 2005.
Metodologia di calcolo: le serie iniziali (11 in totale) sono destagionalizzate con il metodo Tramo-Seats e standardizzate. La loro sintesi è ottenuta con media ponderata, utilizzando come pesi le quote calcolate sul Valore Aggiunto di competenza di ciascun settore. Allo scopo di ottenere il peso da attribuire ai singoli saldi, gli aggregati di valore aggiunto elaborati per ogni settore sono stati divisi per il numero di variabili rientranti nel computo di ciascun clima di fiducia. I pesi utilizzati per la sintesi delle serie prodotte si riferiscono al valore aggiunto al costo dei fattori relativo all'anno 2012. La serie dell’indicatore composito ottenuta è trasformata in numero indice calcolato in base 2010=100.
La serie storica precedente dell’indice (2005=100) è pesata con analoghi pesi riferiti all'anno 2010 e non è stata ricalcolata secondo la nuova definizione del clima di fiducia dei servizi.

Clima di fiducia delle impreseFonte(i) dei dati usata (e)

Indicatore composito del clima di fiducia delle imprese: a partire dal mese di giugno 2012, l’Istat diffonde l’indicatore composito del clima di fiducia delle imprese italiane denominato Iesi (Istat economic sentiment indicator). Fino ad aprile 2017, l'indicatore è stato elaborato aggregando i saldi delle variabili che compongono il clima di fiducia delle imprese manifatturiere (giudizi sulla domanda in generale, attese sulla produzione e giudizi sulle giacenze di prodotti finiti), delle costruzioni (giudizi sugli ordini e attese sull’occupazione), dei servizi di mercato (giudizi e attese sugli ordini, attese sull’economia in generale) e del commercio al dettaglio (giudizi e attese sulle vendite, giudizi sulle giacenze). A partire dalla pubblicazione del mese di maggio 2017, una delle serie storiche componenti lo IESI è stata sostituita. In particolare, con riguardo al settore dei servizi, la serie dei saldi relativa alla domanda sulle attese sull’economia è stata sostituita con la serie dei saldi relativa alla domanda sull’andamento degli affari, coerentemente con la nuova definizione dell’indice del clima di fiducia dei servizi. La metodologia di calcolo dell’indicatore rimane invariata. La serie storica è stata ricalcolata dal mese di marzo 2005.
Metodologia di calcolo: le serie iniziali (11 in totale) sono destagionalizzate con il metodo Tramo-Seats e standardizzate. La loro sintesi è ottenuta con media ponderata, utilizzando come pesi le quote calcolate sul Valore Aggiunto di competenza di ciascun settore. Allo scopo di ottenere il peso da attribuire ai singoli saldi, gli aggregati di valore aggiunto elaborati per ogni settore sono stati divisi per il numero di variabili rientranti nel computo di ciascun clima di fiducia. I pesi utilizzati per la sintesi delle serie prodotte si riferiscono al valore aggiunto al costo dei fattori relativo all'anno 2012. La serie dell’indicatore composito ottenuta è trasformata in numero indice calcolato in base 2010=100.
La serie storica precedente dell’indice (2005=100) è pesata con analoghi pesi riferiti all'anno 2010 e non è stata ricalcolata secondo la nuova definizione del clima di fiducia dei servizi.

Indagine sulla fiducia delle imprese del commercio al dettagliohttp://siqual.istat.it/SIQual/visualizza.do?id=8888948&refresh=true&language=ITIndagine sulla fiducia dei consumatorihttp://siqual.istat.it/SIQual/visualizza.do?id=8888944&refresh=true&language=ITIndagine sulla fiducia delle imprese dei servizihttp://siqual.istat.it/SIQual/visualizza.do?id=8888947&refresh=true&language=ITIndagine sulla fiducia delle imprese manifatturierehttp://siqual.istat.it/SIQual/visualizza.do?id=8888945&refresh=true&language=ITIndagine sulla fiducia delle imprese di costruzionehttp://siqual.istat.it/SIQual/visualizza.do?id=8888946&refresh=true&language=IT