Misure di produttività
< < >-< I.Stat
Open all groups and itemsClose all groups and itemsSend link via emailPrintOpen in stand alone windowClose this window
Click to expand Sorgente
Click to collapse Sorgente
Click to expand Fonte(i) dei dati usata (e)
Click to collapse Fonte(i) dei dati usata (e)

A partire dal 23 settembre 2019 le serie storiche dei conti nazionali, basate sul Sistema Europeo del Conti (SEC 2010), sono state oggetto di una revisione generale finalizzata a introdurre miglioramenti dei metodi di misurazione di componenti e variabili specifiche, derivanti anche dall’utilizzo di fonti informative più aggiornate o, in alcuni casi, del tutto nuove.Tale revisione è avvenuta in coordinamento con Eurostat e con gran parte dei paesi UE.
Le misure di produttività presentate in questa sede si basano sui dati dei Conti nazionali che incorporano la revisione operata nel 2019.Ne deriva una ricostruzione retrospettiva delle serie storiche diffuse in precedenza. Le serie precedentemente diffuse sono disponibili nelle sezioni “Misure di produttività - versione 2014” e “Misure di produttività - versione 2011” di questo stesso sito.
Le misure di produttività consentono di cogliere l’apporto dei fattori produttivi che concorrono alla realizzazione dell’output. Tale misurazione è possibile nell’ambito della cosiddetta contabilità della crescita, un approccio analitico che consente di scomporre la dinamica dell’output nei contributi derivanti dai fattori produttivi primari (lavoro e capitale) e da una componente non spiegata da quegli stessi fattori, definita produttività totale dei fattori (PTF).
La produttività totale dei fattori misura gli effetti del progresso tecnico non incorporato nei beni d'investimento (ovvero di fattori quali innovazioni nel processo produttivo e miglioramenti nell’organizzazione del lavoro e delle tecniche manageriali) dei miglioramenti nell’esperienza e nel livello di istruzione raggiunto dalla forza lavoro e di altri fattori quali andamento del ciclo economico, economie di scala, esternalità e anche errori di misurazione.
La misura di output adottata è il valore aggiunto in volume , utilizzato per stimare la produttività del lavoro, la produttività del capitale e la produttività totale dei fattori. L’input di lavoro è misurato in termini di monte ore lavorate mentre l’input di capitale è calcolato come flusso di servizi produttivi forniti dallo stock esistente di tre tipologie di beni ICT (hardware, software e databases; apparati per le comunicazioni) otto tipologie di beni capitali materiali non-ICT (piantagioni e pesca; bestiame; altre macchine e attrezzature; mobili; mezzi di trasporto su strada; altri mezzi di trasporto; fabbricati non residenziali e opere del genio civile; costi di trasferimento di proprietà dei fabbricati) e tre tipologie di beni capitali immateriali non-ICT (ricerca e sviluppo, prospezioni minerarie; originali di opere artistiche letterarie e d’intrattenimento).
Le misure di produttività sono calcolate a partire dai dati di contabilità nazionale espressi nella classificazione delle attività economiche Ateco2007. Le stime sono effettuate a livello di 38, 21, 10 e 3 branche di attività economica e per il totale economia. Sia le stime di branca che quelle per il totale economia sono calcolate escludendo dal campo di osservazione le attività di locazione di beni immobili, di famiglie e convivenze, delle organizzazioni e organismi internazionali e tutte le attività economiche che fanno capo al settore istituzionale delle Amministrazioni Pubbliche.
Nell’anno di benchmark 2019 l’insieme di settori così definito rappresenta il 70,5% del valore aggiunto complessivo a prezzi base e l’82,8% del totale delle ore lavorate.

Misure di produttivitàFonte(i) dei dati usata (e)

A partire dal 23 settembre 2019 le serie storiche dei conti nazionali, basate sul Sistema Europeo del Conti (SEC 2010), sono state oggetto di una revisione generale finalizzata a introdurre miglioramenti dei metodi di misurazione di componenti e variabili specifiche, derivanti anche dall’utilizzo di fonti informative più aggiornate o, in alcuni casi, del tutto nuove.Tale revisione è avvenuta in coordinamento con Eurostat e con gran parte dei paesi UE.
Le misure di produttività presentate in questa sede si basano sui dati dei Conti nazionali che incorporano la revisione operata nel 2019.Ne deriva una ricostruzione retrospettiva delle serie storiche diffuse in precedenza. Le serie precedentemente diffuse sono disponibili nelle sezioni “Misure di produttività - versione 2014” e “Misure di produttività - versione 2011” di questo stesso sito.
Le misure di produttività consentono di cogliere l’apporto dei fattori produttivi che concorrono alla realizzazione dell’output. Tale misurazione è possibile nell’ambito della cosiddetta contabilità della crescita, un approccio analitico che consente di scomporre la dinamica dell’output nei contributi derivanti dai fattori produttivi primari (lavoro e capitale) e da una componente non spiegata da quegli stessi fattori, definita produttività totale dei fattori (PTF).
La produttività totale dei fattori misura gli effetti del progresso tecnico non incorporato nei beni d'investimento (ovvero di fattori quali innovazioni nel processo produttivo e miglioramenti nell’organizzazione del lavoro e delle tecniche manageriali) dei miglioramenti nell’esperienza e nel livello di istruzione raggiunto dalla forza lavoro e di altri fattori quali andamento del ciclo economico, economie di scala, esternalità e anche errori di misurazione.
La misura di output adottata è il valore aggiunto in volume , utilizzato per stimare la produttività del lavoro, la produttività del capitale e la produttività totale dei fattori. L’input di lavoro è misurato in termini di monte ore lavorate mentre l’input di capitale è calcolato come flusso di servizi produttivi forniti dallo stock esistente di tre tipologie di beni ICT (hardware, software e databases; apparati per le comunicazioni) otto tipologie di beni capitali materiali non-ICT (piantagioni e pesca; bestiame; altre macchine e attrezzature; mobili; mezzi di trasporto su strada; altri mezzi di trasporto; fabbricati non residenziali e opere del genio civile; costi di trasferimento di proprietà dei fabbricati) e tre tipologie di beni capitali immateriali non-ICT (ricerca e sviluppo, prospezioni minerarie; originali di opere artistiche letterarie e d’intrattenimento).
Le misure di produttività sono calcolate a partire dai dati di contabilità nazionale espressi nella classificazione delle attività economiche Ateco2007. Le stime sono effettuate a livello di 38, 21, 10 e 3 branche di attività economica e per il totale economia. Sia le stime di branca che quelle per il totale economia sono calcolate escludendo dal campo di osservazione le attività di locazione di beni immobili, di famiglie e convivenze, delle organizzazioni e organismi internazionali e tutte le attività economiche che fanno capo al settore istituzionale delle Amministrazioni Pubbliche.
Nell’anno di benchmark 2019 l’insieme di settori così definito rappresenta il 70,5% del valore aggiunto complessivo a prezzi base e l’82,8% del totale delle ore lavorate.